Urban Pure Air Zone Torino

Proponente U-earth srl
Durata sperimentazione 9 mesi, a partire da giugno 2016

Il progetto Pure Air Zone, ideato da U-earth, prevede la creazione di una zona d’aria pura urbana nel Giardino “Dispersi sul fronte Russo” di corso Svizzera angolo via Medici: uno spazio pubblico, aperto a tutti, rivoluzionato da un sistema totalmente biologico capace di migliorare concretamente la vita a molti e di mostrarci come gli spazi comuni potrebbero e dovrebbero essere.

La sperimentazione è partita il 15 giugno con l’installazione delle centraline per il monitoraggio della qualità dell’aria U-monitor – sistema vincitore del premio Smau innovazione 2016 – che ogni 5 minuti rilevano diversi parametri. Una tecnologia sofisticata ma caratterizzata da una semplicità d’uso grazie a Microsoft AZURE, il servizio di cloud computing che permette la raccolta e l’analisi dei dati di U-monitor e li rende fruibili a tutti.

A partire dal 21 giugno sono stati effettuati dei campionamenti ambientali con l’ausilio di droni prodotti dalla società piemontese Nimbus srl, su cui sono montate le centraline di monitoraggio U-monitor. L’ultima settimana di luglio il primo bio-reattore AIRcel, 100% Solar Powered by www.giocosolutions.com, è stato installato in una parte del giardino. Nel corso dell’estate sarà realizzato un secondo campionamento per valutare i primi risultati raggiunti, mentre nel corso del mese di settembre verrà installato un secondo bioreattore AIRcel nel parco giochi adiacente.

Un programma di interventi che costituisce solo la prima tappa di un progetto molto ampio: a settembre U-earth – azienda leader di mercato della purificazione biologica – proseguirà il suo impegno con Torino Living Lab creando una “zona d’aria pura” in una scuola del quartiere (scuola media Costantino Nigra) e in un ospedale.

Sito web e contatti
/ www.pure-air-zone.com – www.u-earth.eu
/ Gabriella.motta@u-earth.eu

Dalle news
/ L’aria pulita di Pure Air Zone entra nelle scuole, 7 dicembre 2016
/ A Torino la prima “Zona d’aria pulita”, 21 luglio 2016